Mindfulness e albi illustrati – Ep. 2

Eccoci al secondo episodio di questo viaggio tra mindfulness e albi illustrati in compagnia di Lavinia Costantino.

Durante il secondo appuntamento di ABC della Mindfulness con Lavinia abbiamo imparato a conoscere il respiro.

E respirando, provando a fare questa cosa così naturale ma che se affrontata con coscienza risulta essere più complessa, mi sono venute in mente le due concetti su cui avrei voluto incentrare questo mio nuovo post.

Due concetti che non vengono dal respiro, ma dalla piccola pratica guidata dalle parole di Lavinia.

Ho scelto quattro albi illustrati che, grazie allo sguardo aperto e contemplativo della mindfulness, possono favorire le due parole che descrivono questa seconda esperienza: esplorazione e risorse.

La parte complicata non è il respiro in sè.
Quello che è difficile è restare fermi pensando solo a respirare.

La cattiva notizia è che all’inizio si fa fatica a stare e fare solo quello.
Ma la buona notizia è che se respiri, non pensi.

Un modo efficace di calmare il turbinio di pensieri è respirare.

E come ci ha riportato Lavinia, esiste proprio una citazione in merito:

Il respiro sostituisce la mente discorsiva

 

Per me la parte più preziosa di questa lezione sono state le parole di Lavinia che hanno illuminato una grande verità.

Se ci fermiamo a respirare, se smettiamo di opporre resistenza e stiamo, le cose accadono comunque.

Si creano delle condizioni in maniera naturale.

E queste condizioni, che accadono a prescindere da noi, ci permettono di capire che in fondo non siamo incompleti.

Abbiamo in noi già tutte le risorse per essere.

Ho lasciato che mi salissero alla coscienza, dopo opportuna sedimentazione, alcuni titoli per nutrire lo scaffale mindful.

Mindfulness e albi illustrati per esplorare e lasciare che le cose accadano

mindfulness e albi illustrati ciocca il piccolo giardiniere

 

Il piccolo giardiniere, Emily Hughes, Settenove

Illustrazioni a tutta pagina, lussurreggianti al punto che il New York Times ha richiamato come riferimenti Emile Rousseau (e a ragione!).

Questo albo racconta la storia di un giardiniere piccolo piccolo che possiede un bellissimo ed enorme giardino.

Per lui il giardino è tutto e ci si dedica anima e corpo.
Ma poiché le cose accadono quando devono accadere, le energie che il giardiniere infonde con così tanta tenacia non bastano comunque per l’enorme giardino.

Però servono a mantenere rigoglioso un bellissimo fiore.

Stanco di lottare e bisognoso di curare sé stesso, il giardiniere riposa.
E durante il suo riposo, qualcuno vede quel fiore e se ne prende cura.
Questa cura è sufficiente perché anche il giardino riprenda il suo ciclo.

Perché le cose accadono quando si creano le condizioni.
E le condizioni si creano quando noi lasciamo loro spazio, senza lottare.

Mappe delle mie emozioni, Bimba Landman, Camelozampa

E’ un albo illustrato tra i più amati del mio scaffale, di cui ho scritto abbondantemente anche in passato.

Mappe delle mie emozioni di Bimba Landmann

Non mi dilungo dunque su questo albo che rappresenta sia la parola esplorazione che la parola risorse.

Un silent book strutturato a mappe che rappresentano le diverse terre, penisole, isole, istmi, foreste e laghi che compongono il nostro essere.

Chiamare queste terre semplicemente emozioni non rende l’idea della complessità, che necessita proprio di uno spirito esplorativo.

In fondo la scoperta di sé favorita dall’ascolto e dall’osservazione della mindfulness, significa davvero imbarcarsi per un viaggio in terre inaspettate.

Proprio come avviene in Mappe delle mie emozioni.

mindfulness e albi illustrati ciocca anima smarrita

L’anima smarrita, Olga Tokarczuk e Joanna Concejo, Topipittori

Un albo illustrato di quelli che non si possono non avere.
Sicuramente complesso nell’esplorazione delle emozioni e nell’osservazione di sé quanto raffinato nella sua esecuzione.

Di L’anima smarrita avevo brevemente parlato qui, in un piccolo post di instagram, ben prima che diventasse una delle opere dell’autrice che si guadagnò mesi dopo il Nobel per la letteratura.

“Se qualcuno fosse in grado di guardarci dall’alto, vedrebbe che il mondo è pieno di persone che corrono in fretta e furia, sudate e stanche morte, nonché delle loro anime in ritardo, smarrite, che non riescono a star dietro ai loro proprietari.

Da tutto ciò deriva una gran confusione, le anime perdono la testa, e la gente smette di avere cuore.

Le anime sanno di avere smarrito il loro proprietario, ma spesso la gente non si rende affatto conto di avere smarrito la propria anima”.

L’anima smarrita è un albo illustrato che porta riflessione, che riunisce l’Io frammentato.

mindfulness e albi illustrati ciocca anima smarrita

Aiuta a portare consapevolezza sulla necessità di fermarsi e di stare, di rallentare, di guardare indietro e poi di ripartire. 

 Di pari passo con la vostra anima o con la vostra ombra, imparando di nuovo a fare amicizia. 

Ovunque la natura, D.Underwood e C.Derby, Terre di mezzo

Mi rendo conto che gli albi che ho scelto hanno tutti a che fare con la natura.

Forse perché esplorare e sapere di avere le risorse ci lega intimamente alla natura che nasce da un piccolo seme e che ha dentro di sé il tutto che gli serve.

In Ovunque la natura mi piace il messaggio decisamente mindful di consapevolezza.

Che la natura ci circondi lo diamo spesso per scontato a meno che non ci ritroviamo in un giardino, in un bosco, in montagna.
Eppure la maggior parte di ciò che usiamo viene da lì, come la sedia che viene dall’albero o il pane che viene dal grano.

Come rendersene conto?

La natura usa i suoi piccoli accorgimenti per palesarsi: come un fascio di sole che spunta da una finestra dando una luce magica, come i suoni degli animali, come il lento passare di una chiocciola…

Se la natura usa questi accorgimenti, noi possiamo imparare a farci caso portando la consapevolezza lì con noi mentre la natura accade.

Vi ricordo di fare un giro anche sul sito di Lavinia Costantino, mentre qui sotto trovate la prima puntata di mindfulness e albi illustrati.

 

Mindfulness e albi illustrati – Ep. 1

 

 

 

Lascia un commento