A scuola

 

I libri sono un fulcro attorno al quale si generano esperienze.

Una volta una libraia che conoscevo disse che in libreria, anche solo a parlare di ombrelli, si riesce a far diventare magico quell’argomento. E in effetti è così, le sinergie e le magie che si creano intorno ai libri hanno un non so che di speciale.

Lavorando in mezzo ai libri, appoggiandomi a loro nei momenti di sconforto o di necessità ho appurato che il libro è una forma di dialogo che unisce persone anche molto diverse. Quando parliamo di noi, del nostro lavoro, delle persone che ci circondano e degli interessi che abbiamo, quando abbiamo dei desideri o degli obiettivi, quando abbiamo delle domande e dei dubbi…c’è sempre un libro che ci può indicare la strada.

Tutto dipende da dove vuoi andare, come diceva un famoso gatto…

CHE COSA SONO LE ESPERIENZE DI LIBRI?
Il libro è un oggetto vivo e come tale genera esperienze di vita.
Sono le occasioni di crescita, (in)formazione e integrazione che i libri rappresentano
Perché dalle relazioni umane che si svolgono in libreria e attorno ai libri, da quello scambio di parole e impressioni e idee possono nascere altre idee, collaborazioni e spunti.

Grazie ai libri e alle persone che attorno ad essi convergono, ed essendo estremamente curiosa, ho iniziato ad ascoltare tutti  quei clienti che mi dicevano “perché non scrivi tutte le idee e le cose che pensi dei libri?”. Ci ho messo un po’, ma eccomi qui, che prendo appunti e creo una personale mappa di questo mondo sempre da esplorare, e condivido con le persone le strade più efficaci per raggiungere le destinazioni.

COSA FACCIO? INDICO PERCORSI TEMATICI
Partendo da un libro, cerco il filo rosso che lo collega ad altri libri, ad altre esperienze ad altre attività all’apparenza lontane, quando invece basta cambiare la visuale per notare le analogie o le strade che si diramano. Se la destinazione di chi cerca un percorso è chiara, allora è più facile anche il mio lavoro.

Per esempio, un’insegnante che mi chiede una bibliografia sui giocattoli per lavorarci coi suoi studenti per me è una fonte di grande stimolo. E davanti al professionista che deve affrontare un nuovo progetto e cerca ispirazione riesco a costruire un percorso le cui tappe vanno dal libro per ragazzi alla mostra fotografica, senza tralasciare la narrativa.
Insomma, parto da bisogni di conoscenza concreta, di studio, di crescita lavorativa, per dispiegare davanti a chi mi contatta delle strade fino a quel momento sconosciute.

Sono percorsi tematici personalizzati che si svolgono in mezzo ai libri, all’arte, ai video, alla musica, alla cultura (anche quella pop!), percorsi trasversali che si prestano a molti livelli di lettura e che si rivolgono a chi ha curiosità, passione, amore per la parola scritta ma anche per le storie narrate in immagini.
Per chi ama il bello.

A CHI MI RIVOLGO?

A insegnanti, educatori, maestri e professori che vogliono far capire ai loro bambini e ragazzi che il libro non è solo un compito su cui fare una scheda, ma un’occasione di incontro e aggregazione.

A professionisti che nella creatività trovano nutrimento e che hanno bisogno di variare sempre i punti di vista. Queste persone scopriranno che gli albi illustrati possono rivelare molto.

A chi cerca di restare sempre aggiornato sul mondo dei libri e sulle novità che ruotano intorno a esso (e per non scadere nel pericoloso fuori catalogo!).

A chi cerca idee per laboratori.

A chi ama le curiosità.

A librai, blogger, bibliotecari, editori…tutti coloro che coi libri lavorano e hanno voglia di scoprire ancora di più, e di confrontarsi con qualcuno che ha la loro stesso passione.

Alle persone che come me amano i libri e hanno capito che in loro ci sono le risposte giuste, anche alle domande sbagliate.

 

Comments are closed.