libri per il giorno della memoria stefania ciocca

Libri per la Giornata della Memoria (con freebie!)

Di libri per la giornata della memoria ne esistono davvero molti.

La Giornata della Memoria è stata istituita ufficialmente nel 2005, scegliendo come data simbolica il 27 gennaio, giorno in cui le truppe dell’Armata Rossa liberarono il campo di Auschwitz.

A partire dal 2005 le scuole si prodigano in diverse maniere per rispettare la Giornata della Memoria, chi organizzando eventi speciali o visioni di film, chi visite organizzate, chi dedicando lezioni ad hoc e facendo leggere libri.

E infatti, all’inizio di questo discorso tenuto da Liliana Segre al Teatro degli Arcimboldi, la Senatrice e vita ringrazia proprio gli insegnanti che fanno hanno preso il loro lavoro come una missione, al di là della componente di mero studio.

Se ci si pensa, noi e le generazioni che stanno vivendo con coscienza questo momento storico, siamo ancora tra i privilegiati che possono ascoltare le parole dei sopravvissuti e degli scampati.

Le loro sono le ultime testimonianze dirette.

Tra qualche anno la Giornata della Memoria sarà lasciata alla Memoria Indiretta e i libri sono tra i mattoni per la trasmissione del ricordo.

A questo proposito sono preziose le riflessioni di Lia Levi, i cui testi compaiono numerosi all’interno di questo elenco di libri per la giornata della memoria:

Il ricordo non resta lì per sempre […] Perché resti, questo è il punto, il ricordo si deve trasformare in memoria […] Memoria è quando i ricordi sono diventati i mattoncini del nostro oggi.

 

Solo a soffermarsi sulla parola Memoria, utilizzando i preziosi mattoni che sono i libri, potremmo aprire un dibattito: con  le parole di Lia Levi, con le parole di Primo Levi, per cui la Memoria è fallace e la si ri-costruisce col tempo.
E oggi, per come decidiamo di raccontare, negare, distorcere la realtà, operiamo su quello che sarà Memoria.

Con questo post vorrei offrire un servizio agli insegnanti, quelli che Liliana Segre ringrazia: raccogliere un elenco di titoli di libri per la Giornata della Memoria.

Realizzerò un elenco e su alcuni titoli mi soffermerò proprio in questo articolo.

Libri che sono in commercio, e quindi non più fuori catalogo.
Una selezione operata sulla grandissima scelta che il mercato editoriale offre sull’argomento Shoah.
Sicuramente non una lista esaustiva (non ci sono TUTTI i libri pubblicati sul tema) ma che considera la qualità e la profondità delle storie raccontate.
Con un occhio anche alla forma narrativa.

Testi che sono dei classici sul tema, libri contemporanei ma anche albi e libri illustrati.
Libri per ragazzi e libri pubblicati nel settore adulti che possono essere letti anche dai ragazzi.

Libri per la giornata della memoria che possono , che devono, essere letti anche dagli adulti.

Per ritrovare quella modalità narrativa efficace nel raccontare pagine oscure ai più piccoli.

Su alcuni di questi libri per la Giornata della Memoria spenderò qualche parola in più perché ritengo che, vuoi perché sono nuovi, vuoi perché sono originali, possono dare un valore in più al lettore che affronterà l’argomento.

Libri per la Giornata della Memoria

L’orsetto di Fred, Iris Argaman, illustrazioni di Avi Ofer Gallucci

Un albo illustrato, adatto soprattutto ai più piccoli, che racconta il dramma del vivere clandestinamente di un bambino durante il periodo della seconda Guerra Mondiale.
Una vicenda il cui svolgimento è raccontato dall’orsetto del protagonista: un giocattolo che rappresenta amore, famiglia, la serenità di una infanzia finita troppo in fretta.
Un giocattolo che accompagna il bambino, che si logora, si rovina ma nonostante i rattoppi rimane insieme a Fred e vede la fine dell’orrore.

L’orsetto di Fred, quello vero, è esposto al memoriale Yad Vashem in Israele.

Fascia di età: scuola elementare

Solo una parola, Matteo Corradini, Bompiani

La trovata geniale di Matteo Corradini è stata quella di raccontare l’avvento delle leggi razziali in Italia, e come si è ripercosso sulla vita quotidiana degli ebrei…senza mai parlare di ebrei.
Matteo Corradini in Solo una parola decide di usare al posto di “ebrei” l’espressione “persone con gli occhiali” o occhialuti.
Una trovata semplice ma efficace nel mostrare l’assurdità di quanto accaduto.

Fascia di età: scuola media

Gli amori di un fantasma in tempo di Guerra, Nicolas De Crecy, Einaudi Ragazzi

Un po’ particolare all’interno di questa selezione di libri per la Giornata della Memoria.
Un libro a mio avviso bellissimo e di cui già vi avevo parlato in un altro post, qui il link.

Il punto di partenza ribalta la situazione: nel mondo dei fantasmi sta avvenendo una guerra, una guerra che contrappone i fantasmi più puri a quelli ritenuti di razza mista.
Ciò che accade, già lo immaginiamo.
Se all’apparenza può sembrare un libro dagli elementi fantastici ma privo di serietà, bisogna ricredersi.

Come questo libro parla del dolore, della consapevolezza, dell’ingiustizia e del desiderio di riscatto, pochi altri riescono a farlo.
Gli amori di un fantasma in tempo di guerra riesce a trattare la Seconda Guerra Mondiale, l’amore, l’amicizia, la Shoah, la cattiveria “umana”, la rinascita e la ricaduta nella cattiveria con rara profondità filosofica.
E trasporre una vicenda orrendamente umana su un altro piano aiuta ad aumentare i livelli di lettura.

Fascia di età: scuola media e primo biennio superiori

libri per la giornata della memoria

Il giorno della Memoria raccontato ai miei nipoti, L.Levi, Piemme

Lia Levi ha scritto numerosi libri, tra romanzi e racconto autobiografico, soffermandosi in particolare sul tema delle Leggi Razziali in Italia e di come la vita degli ebrei cambiò dalla sera alla mattina.

Lia Levi, come dice proprio in questo libro, appartiene alla categoria degli scampati che si differenziano dai sopravvissuti per il fatto di essere riusciti a scappare e a nascondersi.
Raccontando così una memoria molto diversa.

Il giorno della memoria raccontato ai miei nipoti è un lungo discorso che Lia Levi rivolge a un pubblico che racchiude i suoi nipoti e per estensione tutti coloro che hanno l’età dei suoi nipoti (dai 10 ai 14 anni circa).

Sviscera alcune riflessioni molto interessanti e dà voce a dubbi retorici che, quando ci si affaccia all’argomento Shoah, non è raro avere.

Riflette sul concetto di Memoria, sulla lotta tra bene e male, confuta il modo di dire secondo cui quella di Hitler è stata follia (lo follia giustifica e assolve, mentre il piano di Hitler era perfettamente e lucidamente organizzato).

Racconta aneddoti personali che, in una vita come la sua, permettono di vedere come la vita delle persone, adattandosi alla storia, possa essere vista alla fine come un affresco meraviglioso.

Età: dai 10 anni. 

Scolpitelo nel vostro cuore, Liliana Segre, Piemme

Questo piccolo memoir è ciò che Liliana Segre racconta ormai da anni, giorno dopo giorno, nelle scuole di tutto il paese.
Con queste parole la Segre ripercorre ogni volta la sua serenità perduta di bambina e di figlia, e l’incubo di persona vissuto durante la prigionia.
Una storia toccante e straziante ma che invita, nel suo nucleo più profondo, a non lasciarsi andare all’odio,  e ad elevarsi sopra quelle persone che l’odio lo praticano.

Fascia di età: dalle medie

Anna Frank. La mia vita, Pressler-Sualzo, Sonda

Ho avuto difficoltà a collocare questo libro in virtù dei suoi destinatari.

Si tratta di un saggio vero e proprio il cui scopo è quello di analizzare nel dettaglio la vita di Anna Frank creando un insieme che includa i suoi scritti, i fatti da lei vissuti e la documentazione raccolta da persone entrate in contatto con lei, sia durante la sua permanenza nell’alloggio segreto, sia durante la sua reclusione nel campo di concentramento.

Perché ho faticato a collocarlo?
Anna Frank. La mia vita è un saggio che nulla ha a che invidiare alla saggistica per adulti e nello scaffale di storia e attualità del reparto ragazzi è difficile trovarne di così approfonditi.

libri per la giornata della memoria
Una delle illustrazioni di Sualzo che corredano il libro

 

L’autrice ha scelto di dare voce alla ragazza Anna Frank, non alla ragazzina che ha scritto un diario e che è morta in un lager.
Anna Frank era giovane ma già consapevole di essere una scrittrice, al punti di stendere due versioni del suo Diario, una “di brutta” e una pensata per la pubblicazione.

La sua vicenda è ricostruita in rapporto al contesto storico e a come il suo sviluppo intellettuale ed emotivo si è avviato alla maturazione in una situazione pesante come quella trascorsa chiusa per due anni in 50 metri quadri con altre sette persone.

Un libro che consiglio a partire dai 14 anni per chi volesse avere una vera panoramica della vita vissuta da Anna Frank.
E un perfetto strumento per gli insegnanti.

Età: dai 15 anni

Destinatario sconosciuto, Kressman Taylor, Bur

Si tratta di un brevissimo romanzo epistolare.
E’ la storia di due amici e soci in affari che hanno vissuto in America dirigendo una galleria d’Arte, Martin e Max.
Max rimane in America mentre Martin decide di rientrare con la famiglia in Germania. Una Germania provata, povera, piena di rabbia e insoddisfazione.
Max è ebreo, Martin è cristiano.

Dallo scambio di lettere tra i due amici emerge un vasto spettro emotivo ma anche le avvisaglie del cambiamento epocale che sta per investire la Germania e che si fa largo poco a poco.
Vediamo l’iniziale scetticismo di Martin trasformarsi in fervente fanatismo al punto da tagliare fuori dalla sua vita Max.

E però, al di là della puntualità con cui è descritto il modo attraverso cui l’uomo tedesco medio ha abbracciato il nuovo corso impartito alla Germania da Hitler, a rendere straordinario questo libro è la vendetta che Max consuma…

Straordinario se si considera che è uscito nel 1939.

Fascia di età: dalle medie

E un consiglio speciale…

Olocaustico, Alberto Caviglia, Giuntina

Questo libro andrebbe regalato a tutti gli adulti data la portata satirica e nel contempo di impegno civile che porta con sé.

Sappiate che, tra i libri per la Giornata della Memoria consigliati sino a qui, questo non è per ragazzi (infatti lo trovo perfetto a partire dai 16 anni!) ed è decisamente dissacrante.

Siamo in Israele nel 2024 e il protagonista, che sogna di fare il regista, tira a campare intervistando i sopravvissuti dell’Olocausto per conto dell’archivio dello Yad Vashem.
Ma quando l’ultimo sopravvissuto muore, il nostro si ritrova senza lavoro.
Con leggerezza e per disperazione data la disoccupazione galoppante, decide incoscientemente di creare ad hoc un nuovo ultimo sopravvissuto montando un’enorme fake news e avvalendosi dell’aiuto del clochard che abita il parchetto sotto casa.

Ignora la portata della sua azione fino a che, scoperta la menzogna, un castello di carte mondiale crolla facendo crollare un intero sistema e mettendo in discussione la stessa Shoah.

Satirico, irriverente, dissacrante e però estremamente intelligente e valido per le molte tematiche affrontate.
Soprattutto per quanto riguarda il rapporto tra realtà e informazione.

Alberto Caviglia, l’autore di questo libro, ha fatto sue le lezioni dissacranti, umoristiche e speculative di Woody Allen e dei Monthy Pyton, mescolandole ad un suo stile personale fatto di gusto per il paradosso e per il ribaltamento.

Ad oggi la sua produzione conta questo libro e un film dal titolo Pecore in Erba.

Sono entrambi straordinari, al di là del paradosso e del ribaltamento, per la satira acuta e intelligente che mescola in maniera innovativa i temi dell’identità ebraica, dell’odio per gli ebrei e del negazionismo con tematiche quali l’informazione, la libertà di espressione, le fake news e un indubbio quanto originale senso di impegno civile.

Bellissimo!
E edito da Giuntina che conta un catalogo molto interessante.

Fascia di età: dalla terza superiore in su. Ma soprattutto agli adulti, tutti.

Altre proposte di libri per la Giornata della Memoria

Attenzione: gli albi illustrati hanno una possibilità di utilizzo trasversale a seconda del tipo di lavoro che si intende fare, ma indicativamente vanno bene già a partire dalla scuola elementare.
I libri di narrativa vanno bene per le scuole medie, laddove sono più adatti anche alle scuole superiori è segnalato tra parentesi.

Ed ecco un freebie di libri per il Giorno della Memoria

In questo articolo mi sono soffermata su libri che ho apprezzato particolarmente, ma l’offerta di libri per il Giorno della Memoria è davvero vasta.

Ho cercato di raccogliere la maggior parte dei titoli in un unico file, che potete scaricare cliccando qui sotto.

SCARICA IL FREEBIE
LIBRI PER IL GIORNO DELLA MEMORIA

Attenzione: il file subirà continue modifiche, proprio perché l’offerta è molto ampia!

Lascia un commento