La grande traversata di Miura Shion edito da Einaudi

by:

Gruppi di letturaNewSpunti di lettura

La grande traversata di Miura Shion edito da Einaudi è il libro che mi ha traghettato dal 2018 al 2019.

Vi propongo La grande traversata di Miura Shion come libro ideale per un gruppo di lettura ma anche per dei lavori di classe.

A dire il vero nel 2018 mi è capitato di leggere tre libri giapponesi che mi hanno dato un grande piacere.

Libri che mi hanno dato un senso di serenità e mi hanno portato vedere la realtà con occhi diversi e che secondo me sono perfetti per i gruppi di lettura.
Perché no, magari dedicati proprio al Giappone…

Ho iniziato l’anno con I dolci della signora Tokue (Einaudi), ho proseguito con La ragazza del Convenience Store (E/O) e infine ho terminato l’annata con La grande traversata, la vera scoperta.

La grande traversata è edito da Einaudi, l’autrice è Miura Shion e racconta la storia di un…dizionario.

Già, perché la grande traversata di cui si parla è il titolo di un nuovo, mastodontico dizionario che i protagonisti sono impegnati a redigere.

La grande traversata di Miura Shion

Il grande pregio di La grande traversata di Miura Shion è quello di portare alla luce ciò che normalmente non solo è nascosto, ma viene giudicato spesso con una dubbiosa alzata di sopracciglia.

A partire dai protagonisti.

Nell’incipit della storia vediamo due professori, già impegnati nella stesura del dizionario, che hanno necessità di affidare il compito a nuovo incaricato.

Il collaboratore Nishioka lo ha individuato in Majime, considerato da tutti strambo addirittura un peso.

Eppure, da piccoli particolari che ai più paiono bizzarri, i due professori capiscono subito che Majime è il loro uomo: incapace nei rapporti sociali, goffo, stralunato, ma in possesso di autentico amore per le parole e la loro organizzazione.

Lo stesso Nishioka per molti capitoli ci risulta indigesto, sopra le righe e all’apparenza grossolano.

Invece…

Invece le sfumature umane sono come le sfumature di significato che le parole hanno.
Basta poco per trovarne di nuovi, basta un diverso accostamento per tirare fuori un nuovo senso.

E così succede  a Nishioka, che accanto a Majime scopre di avere nuove prospettive e riconosce di avere passioni fino a quel momento ignorate.
Anche noi impariamo ad apprezzarlo perché a modo suo è intraprendente e serve a equilibrare i membri della redazione dizionari.

Lo stesso Majime, messo alla prova nell’ambiente dei dizionari, trova il proprio posto nel mondo e riesce a incanalare le proprie parole non dette.

La vicenda dura in totale una quindicina di anni.

Nel mentre si avvicendano persone, parole scorrono, pagine si compongono mentre i protagonisti crescono anche nella loro vita privata.

Parallelamente devono gestire la stesura del grande dizionario, affidando la redazione di alcune voci a importanti professori e controllando ogni parola cercando di essere esaustivi e insieme imparziali.
Scegliendo la carta migliore, bella, non traslucida, della giusta consistenza.

Quando dico che La grande traversata di Miura Shion ha il pregio di farvi notare le sfumature e le pieghe della realtà, parlo anche di questo.
Di piccoli particolari legati a un oggetto comune e alla vita che ci gira intorno.

Il tutto avviene all’interno di una casa editrice che vede l’impresa del dizionario come un costo che non porterà risultati.

Lo stesso lavoro della redazione di voci per un dizionario è la vera scoperta di questo libro.

Siamo lettori, amiamo la parola scritta, ma ci soffermiamo davvero sull’essenza delle parole?
La grande traversata di Miura Shion è un inno alla più intima essenza dell’essere, quindi della parola.

Quella urlata di Nishioka, quella strabordante e a volte taciuta di Majime, quella misurata dei professori.

Ed è inevitabile per il lettore riflettere su questo bizzarro lavoro che è la stesura del dizionario.

Ecco perché la lettura di libri come La grande traversata di Miura Shion è necessaria.

E’ una lettura che infonde piacere e nello stesso tempo apre gli occhi su prospettive rimaste celate.

Il tutto narrato con quello stile garbato pienamente giapponese, con un ambientazione ai nostri occhi esotica e a tratti anche incomprensibile.

Trovo che La grande traversata di Miura Shion sia un libro perfetto per chi cerca l’atmosfera pacata dei romanzi di ambientazione giapponese
Che sia altrettanto perfetto per quei lettori che amano nuove prospettive e amano le parole.

La grande traversata di Miura Shion

Suggerimenti su come utilizzare La grande traversata di Miura Shion

Per un lavoro di classe o in altra circostanza:

Trovo che questo libro sia perfetto da utilizzare in classe o nei gruppi di lavoro, creando un’esperienza intorno al concetto di parola.

I libri che suggerisco in aggiunta al La grande traversata di Miura Shion per creare un lavoro sulle parole sono:

  • La fabbrica delle parole, di Agnes de Lestrade, Terre di Mezzo Edizioni
  • Una voce dal lago, Jennifer Donnelly, Mondadori
  • Capitano Rosalie, Timothe de Fombelle, Mondadori
  • Sbagliando s’inventa, Artebambini (ne avevo parlato qui)

La bibliografia sulle parole può comporsi di altre decine di titoli, ma questa piccola offerta è calibrata su titoli per adulti, per ragazzi, su albi illustrati che fanno riflettere e albi che fanno giocare.

Tutto sta alla vostra capacità di guardare oltre l’apparenza e di sapervi mettere in gioco.

Per un gruppo di lettura:

La riflessione sulle parole, sulle sfumature, sugli aspetti della vita che sembrano in un modo e invece ci sorprendono.
Ecco tre domande un po’ giocose che si possono utilizzare per condurre un gruppo di lettura dedicato a questo libro.

  • Scegliete una parola che sia rappresentativa di ciascun personaggio e spiegate perché avete scelto proprio quella
  • La grande traversata di Miura Shion è la storia dell’impresa di una vita: mastodontica e indispensabile per alcuni, insignificante per altri. Qual è il senso ultimo di avere un’impresa cui dedicarsi?
  • Scegliete una parola e sezionatela, raccontatela, riproponetela come se doveste inserirla nel dizionario La grande Traversata

Data la presenza di molta cucina tipica giapponese (un personaggio ambisce a diventare chef) è un libro che si presta benissimo per i gruppi di lettura che si cimentano in piatti ardimentosi con cui accompagnare gli incontri.

Per qualsiasi consulenza o domanda non esitate a scrivermi.

Ah, mi segnalano che di La grande traversata di Miura Shion esista un anime, qui il link.
Avete avuto modo di vederlo? Io sono curiosissima!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *